Il caffè: la sua origine e le sue proprietà

Le origini del caffè

Originariamente il caffè veniva impiegato dalle tribù indigene, le quali adottavano tale bevanda cospargendola nel grasso al fine di ottenere uno sfizioso snack che desse loro energia per svolgere le attività relative alla pastorizia e dunque all’allevamento del bestiame. L’origine del caffè risale a numerosi millenni fa, quest’ultimo infatti veniva impiegato dalla tribù indigene presenti nella regione dell’Etiopia al fine di produrre uno snack energetico capace di dare energia al fine di svolgere le classiche attività quotidiane.

Il caffè all’epoca veniva inoltre impiegato anche in un altro modo, ebbene quest’ultimo veniva fatto fermentare dagli indigeni al fine di ottenere un vino di ottima fattura e qualità. Ebbene grazie alla fermentazione delle drupe del caffè alla fine del processo di lavorazione si otteneva un vino non particolarmente alcolico ma assolutamente squisito e saporito.

Nel corso degli anni grazie alle sue proprietà ed al suo sapore il caffè si diffuse sempre più in tutto il mondo. Gli storici hanno cercato di comprendere come effettivamente sia stata possibile tale espansione dall’Etiopia sino al resto del mondo. A tal proposito alcuni studiosi hanno ritenuto che tale espansione sia stata determinata dalle numerose guerre combattute dalle tribù indigene presenti nella regione dell’Etiopia.

Secondo altri studiosi invece tale espansione fù determinata dagli scambi commerciali, ed in particolare dai mercanti arabi i quali compresero il potenziale del caffè e ne avviarono l’esportazione in tutto il mondo. A prescindere da quale fù la ragione che determinò l’esportazione del caffè nel mondo in seguito a quest’ultima il caffè iniziò ad essere prodotto e coltivato in numerose aree del mondo.

Gli storici a tal proposito ritengono che le prime coltivazioni di caffè risalgono al decimo secolo.
Successivamente a tale periodo la coltivazione del caffè divenne fondamentale per numerosi popoli fra i quali in particolare si possono citare i musulmani e gli arabi. Questi popoli erano infatti particolarmente affascinati dal caffè e per tale ragione tentarono di cucinarlo fallendo. Solo in seguito a numerosi fallimenti questi ultimi riuscirono ad impiegare il caffè nella creazione di una bevanda energetica che desse loro energia per compiere le classiche attività quotidiane.

Grazie agli sforzi compiuti questi popoli riuscirono a creare una ottima bevanda energetica che permise loro di incrementare in modo sensibile la loro concentrazione, nonché la loro produttività. Al fine di ottenere maggiori informazioni, è possibile visitare il seguente link: chespresso.net.

Grazie alle loro conoscenze e alla loro caparbietà questi popoli intorno all’ottavo secolo avevano il controllo della maggior parte di coltivazioni di caffè, tutto ciò tuttavia non durò a lungo. Ebbene secondo gli storici un pellegrino indiano riuscì ad ingerire dei semi di caffè portando questi ultimi in India. Grazie a tali semi gli indiani riuscirono ad avviare con successo una fiorente coltivazione di caffè.

In seguito all’ottavo secolo il caffè si diffuse in tutto il mondo raggiungendo l’Europa ed anche l’Italia la quale conobbe il caffè in seguito agli scontri con l’impero ottomano. Gli scontri fra le repubbliche marinare in Italia e l’impero ottomano favorirono l’espansione del caffè in tutto il territorio italiano.

Quali sono le proprietà del caffè

Il caffè presenta numerosissime proprietà nutrizionali, la principale è rappresentata dalla caffeina ovvero dalla sostanza alla quale il caffè deve il proprio nome. L’assunzione del caffè offre numerosi benefici primo dei quali si riscontra nel miglioramento dei processi digestivi. In ragione del suddetto beneficio si consiglia di consumare il caffè in seguito ai pasti principali ovvero in seguito al pranzo e alla cena.

Il caffè inoltre offre una particolare energia all’organismo, ebbene quest’ultimo rappresenta una risorsa fondamentale capace di incrementare sensibilmente la capacità di attenzione e di concentrazione. Il caffè infatti rappresenta una bevanda energetica capace di offrire una quantità di energia tale da facilitare lo svolgimento delle classiche attività quotidiane.

Un ulteriore beneficio offerto dal caffè si riscontra nel fatto che quest’ultimo stimola l’organismo ad impiegare il grasso corporeo per finalità di carattere energetico incrementando dunque sensibilmente il numero di calorie consumate.